Terrorismo, Salvini: "In Italia un governo di imbecilli o di complici"

Il presidio della Lega a Sesto San Giovanni dove è stato ucciso il killer di Berlino tornato nel nostro Paese da dove era partito: "Un popolo che si vergogna della propria storia è destinato a essere invaso" - (VIDEO)


"L'Italia politicamente è il ventre molle dell'Europa dove un mix di politica, associazioni e false cooperative permette a centinaia di migliaia di persone di fare quello che vogliono. E di terroristi ne bastano pochi. Su cinquecentomila sbarcati in tre anni, che garanzie abbiamo che in altre città non ci siano terroristi come quello? Nessuno". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, che ha risposto alle domande dei giornalisti alla manifestazione organizzata dal Carroccio davanti alla stazione di Sesto San Giovanni, nel luogo dove è stato ucciso l'autore dell'attentato di Berlino. "Da italiano - ha detto Salvini - sono stufo di minuti di silenzio, di gessetti per terra, di profili Facebook nel nome della pace e dell'amore, qui c'è da difendere il futuro e la sicurezza dei nostri figli. Non è possibile - ha aggiunto - che l'Italia sia una terra dove terroristi e delinquenti di ogni genere entrano senza nessun problema. Che lo stragista di Berlino passeggiasse alle tre di notte a Sesto San Giovanni qualche problema al Paese Italia lo deve porre". Per questo, "occorre chiudere e ripristinare i controlli alle frontiere. Non vorrei - ha concluso il leader leghista - aspettare altre stragi perché l'Italia e l'Europa si svegliasse": "Di terroristi ne bastano pochi".

Il Ministro Minniti visita le zone terremotate in divisa da Vigile del Fuoco

Il sindacato Conapo: ora risposte per la categoria


Il Ministro dell’Interno Minniti che ha visitato le zone terremotate indossando la giacca dei vigili del fuoco quale forte simbolo dello Stato. Ora però si faccia portavoce verso il governo per dare soluzione alle necessità dei pompieri, finora trattati come un corpo di serie B in quanto a retribuzioni e pensioni”. Lo ha dichiarato Antonio Brizzi, segretario generale del sindacato Conapo dei vigili del fuoco, spiegando che “emergenze, calamità, dissesto idrogeologico del territorio, cambiamenti climatici, incendi, assorbimento dal prossimo 1 gennaio delle competenze del soppresso Corpo forestale, rischio terrorismo e quotidiane crescenti sciagure, impongono di non sottovalutare politicamente la situazione vigili del fuoco e di rimediare ai tagli degli anni passati” Intanto Minniti ha fatto anche il punto della situazione su quanto si sta facendo per ripristinare la regolare vita nelle zone colpite dal terretorio. "Abbiamo approvato l'anagrafe antimafia per dare garanzie ai sindaci nei territori colpiti dal terremoto, ora per la ricostruzione bisogna spendere presto e bene le risorse che sono state stanziate". Ad attenderlo nella cittadina colpita dal sisma c'erano il commissario per la ricostruzione Vasco Errani, il capo del Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio e il sindaco Nicola Alemanno. Il Ministro ha visitato il centro storico del paese partendo dall'antica Porta Romana, ora in via di ricostruzione. La zona rossa è stata ridotta e il Corso Sertorio e' stato riaperto fino a Piazza San Benedetto. Norcia inaugura anche un nuovo modulo abittativo per 40 persone. Un altro sarà consegnato la settimana prossima. “La situazione è quella di una macchina che cammina. Siamo ancora agli inizi, saremo soddisfatti solo quando avremo finito. Tuttavia la cosa straordinaria è il rapporto che si è creato con la popolazione. Qui si stanno compiendo opere straordinarie di ingegneria che sfidano leggi fisica. Nei giorni scorsi  abbiamo firmato un importante protocollo con Anac, il commissario Errani e Invitalia. Questo aiuterà molto la ricostruzione: l’obiettivo è fare molto presto e molto bene. La ricostruzione non deve ringraziare né la mafia né le corruzioni. Per il terremoto avremo il più imponente finanziamento pubblico dei prossimi anni”.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Clear

Humidity: 39%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 3°C -3°C
  • 04 Jan 2019 2°C -6°C